La distruzione della falsa conoscenza: mithyā vinaśana

 Devadatta Kīrtideva Aśvamitra

April 23, 2018

La dottrina dell’Advaita, è il caso di ricordarlo in questa premessa, non è affatto una semplice speculazione teorica, poiché chi ne segue gli insegnamenti da un guru qualificato, usufruisce di essa come metodo (sādhana). È incredibile come orientalisti, esoteristi teorici e perfino iniziati a vari rami di karma khaṇḍa non riescano a comprendere questa semplice assunto. Con questo studio cercheremo, quindi, di illustrare al meglio questo fatto evidente. Il fondamento della dottrina advitīya consiste nella constatazione dell’inconfutabile esistenza del Brahmātman.

April 23, 2018

We must remember in this premise that Advaita doctrine is not at all a mere theoretical speculation, since those who follow the teachings from a qualified guru, utilize it as a method of realization (sādhana). It is incredible how Orientalists, theoretical esoterists and even initiates into various branches of karma khaṇḍa cannot understand such a simple assumption. Therefore, with this study we shall try to illustrate this evident fact in the best way possible. The basis of the advitīya doctrine consists in the ascertainment of the irrefutable existence of the Brahmātman.

May 19, 2018

L’argomento di questo secondo capitolo riprende certi concetti precedentemente espressi in alcuni contributi già apparsi su questo Sito. Quello che cambia è l’ordine delle argomentazioni, nell’intento di spiegare nel dettaglio la dottrina dell’intuizione primordiale di esistere com’è sperimentata da tutti gli esseri viventi, in particolare quelli umani. Inoltre è finalizzato a far comprendere come, pur essendo un’intuizione universalmente condivisa, essa non conduca “automaticamente” alla Liberazione dall’ignoranza.

 

May 19, 2018

The subject of this second chapter takes up some concepts previously presented in some contributions already published in this site. It is simply the order of the arguments that has been changed with the aim of explaining in detail the doctrine of the primordial intuition of existing as it is experienced by all living things, especially human beings. The aim is also to explain how such intuition does not “automatically” lead to the Liberation from ignorance despite being a universally shared intuition.

June 09, 2018

Il capitolo che qui ha inizio si basa essenzialmente sugli insegnamenti di Svāmī Satcidānandendra Sarasvatī Mahārājajī e sulle loro spiegazioni da parte di Śrī Śrī Prakaśānandendra Sarasvatī Svāmījī. Sarà utile al lettore tenere ben presente l’articolo “Il metodo adhyāropāpavāda dell’Advaita Vedānta” di Svāmī Satcidānandendra Mahārājajī, già pubblicato su questo Sito, da cui si sviluppa la nostra argomentazione. 

June 09, 2018

The present chapter is essentially based on the teachings of Svāmī Satcidānandendra Sarasvatī Mahārājajī and their explanations by Śrī Śrī Prakaśānandendra Sarasvatī Svāmījī. It will be useful for the reader to keep in his mind the article “The adhyāropāpavāda method of Advaita Vedānta” by Svāmī Satcidānandendra Mahārājajī, already published in this Site, from which our discussion begins.

June 23, 2018

In passi diversi le Upaniṣad raccomandano l’indagine sul Brahman come se l’individuo fosse il conoscitore e Brahman l’oggetto della conoscenza. Così, sempre presumendo che il jīvātman sia qualcos’altro dal Brahman, affermano sia che il Brahman è causa della manifestazione, mantenimento e dissoluzione del mondo, sia che esso penetra nel mondo manifestato come jīva. Alla fine di questo suo peregrinare cosmico, il jīva dovrà immergersi nuovamente nel Brahman.

 

June 23, 2018

In several passages, the Upaniṣads exhort the inquiring on Brahman, as if the individual were the knower and Brahman the object of knowledge. Thus, assuming that jīvātman is other from Brahman, they assert that Brahman is the cause of manifestation, maintenance and dissolution of the world, and that It penetrates the manifested world as jīva. At the end of its cosmic journey, the jīva should merge again with Brahman. 

 

July 28, 2018

L’avasthātraya mīmāṃsā rappresenta il metodo più elevato tra quelli vedāntici finora descritti, che s’identifica all’advaita vicāra stesso e che, perciò conduce alla Liberazione finale dall’ignoranza. I profani e persino gli iniziati della conoscenza non-suprema, considerano della vita umana soltanto lo stato di veglia. Pensano, quindi, che il sogno sia una immaginazione mentale e che il sonno profondo sia semplicemente uno stato di riposo della mente, quando anche la fantasia è messa a tacere.

July 28, 2018

The avasthātraya mīmāṃsā is the highest among the Vedāntic methods so far described. It is identified with the advaita vicāra itself and, therefore, leads to the final Liberation from ignorance. The profane and even the initiates of the Non-supreme knowledge, only take into consideration the waking state of human life. Therefore, they think that the dream is a mere mental imagination and that deep sleep is simply a state of mental rest, more so when even fantasy is put to silence.

 

Please reload